Lucca Pre-romana
Lucca Romana
Lucca nel Medioevo
I Guinigi
Le torri
Elisa Bonaparte
Gli architetti
Mura e giardini
Il teatro del Giglio
I musicisti
I santi
Scrittori
Puccini
Versilia
Valle del Serchio
Ville di Lucca
 
 
 

Statua di Giacomo Puccini
a Lucca

Giacomo Puccini è lucchese, anzi di "Lucca dentro" essendo nato all'interno delle secolari mura, in Via di Poggio, una centralissima via lucchese nei pressi della Stupenda Piazza San Michele. Oggi la casa dove è nato ospita un museo del grande musicista che è meta ogni anno di migliaia d'appassionati provenienti da ogni parte del mondo e nei pressi è stata di recente installata una bella scultura di bronzo del Maestro.

Dopo le prime esperienze come compositore - di lui si ricorda un famoso mottetto composto per la festa del patrono di S.Paolino - Puccini lasciò Lucca per Milano ove, attraverso le lezioni di Bazzini e Ponchielli, sarà presto in grado di ricevere il battesimo operista attraverso quelle "Villi" che gli apriranno la porta di Casa Ricordi e saranno il trampolino di lancio per la sua fulgida carriera. Si potrebbe pensare che, da allora, Lucca si allontani dal suo cuore, tanto più che vicende personali lo portano a trovare asilo in quella Torre del Lago che vedrà nascere le sue immortali opere e dove è sepolto nella sua villa di Torre del Lago. Ma, sebbene esule, Giacomo conservò inalterato l'affetto per la sua Lucca, la terra dei suoi avi, dei suoi amori.

Da Torre del Lago non mancava mai di venire a Lucca a ritrovare gli amici, ad incontrarsi con loro al Caffè Caselli. Nei pomeriggi settembrini, specie domenicali, lo si vedeva spesso seduto all'aperto davanti ad un tavolino del Caffè "La Stella Polare". Puccini ha sempre avuto Lucca nel cuore, e l'ha onorata con il suo genio musicale. Lucca è celebre per le sue mura, le sue chiese, le sue figurine di gesso, le sue sete, i suoi emigranti, ma è celebre soprattutto per il nome di Puccini. Scrisse Filippo Sacchi sul Corriere della Sera in occasione della morte di Puccini: "Ci sono tanti Paesi in cui non troviamo la nostra bandiera, ma Puccini lo troviamo dappertutto.

Nelle orchestrine dei transatlantici e negli organetti dei suburbi, nei grammofoni delle ville e negli organetti degli emigranti, negli alberghi, nei grandi teatri, nei cinematografi e nelle sale da concerto". E con Puccini troviamo Lucca, la sua terra da lui sempre amata.